fbpx

FRANCESE

Area Lingue Straniere

INTRODUZIONE

Il corso introduce in maniera progressiva all’apprendimento della lingua francese. Docenti qualificati e un metodo teorico/pratico favoriscono un apprendimento della lingua in modo graduale, dinamico e adeguato alle proprie esigenze. Il materiale didattico è sempre aggiornato e integrato con supporto di magazine, video, e-book e DVD. Questo metodo consente di mettere in pratica nella vita reale e nell’ambito lavorativo le nozioni acquisite, fin dalle prime lezioni.

Il corso di lingua francese: dal livello per principianti allo sviluppo di competenze linguistico-comunicative intermedie.

ddd

OBIETTIVI

Il corso è strutturato per consentire a ciascun partecipante il raggiungimento di una conoscenza della lingua francese fino al livello desiderato, da quello base A1 al più avanzato C2. Ogni livello è pensato per soddisfare differenti necessità: da quelle di chi già utilizza o vuole utilizzare la lingua francese in ambito lavorativo, a quelle di colui che si reca nella nazione di lingua francese per turismo e svago, fino a quelle di chi intende lavorarci o trasferirsi.

ARGOMENTI

  • Leggere brevi testi di lieve difficoltà.
  • Orientarsi in città.
  • Capire parole familiari ed espressioni molto semplici.
  • Capire parole familiari e frasi semplici, ad esempio annunci, cartelloni, cataloghi.
  • Comunicare, in modo semplice, a condizione che l’interlocutore sia disposto a ripetere o a riformulare le sue frasi più lentamente e ad aiutare a formulare ciò che si vuole dire.
  • Saprà inoltre porre domande semplici su argomenti familiari o su ciò di cui si ha bisogno e rispondere all medesime domande.
  • Utilizzare espressioni e frasi semplici per descrivere il proprio luogo di provenienza e le persone che si conoscono.
  • Scrivere una breve cartolina in modo semplice, ad esempio di vacanze.
  • Riempire un questionario, per esempio scrivere il proprio nome, nazionalità e indirizzo su un modulo di hotel.
  • Riconoscere enunciati semplici già incontrati e ascoltati in situazioni familiari.
  • Capire i numeri, le cifre isolate e le parole semplici.
  • Ritrovare i temi essenziali presenti in una lettera personale o in un testo che tratta di situazioni familiari.
  • Comprendere e fornire delle indicazioni sulle direzioni.
  • Esprimere i propri desideri o preferenze.
  • Formulare e rifiutare inviti.
  • Scrivere brevi testi (cartoline, brevi lettere, messaggi, annunci).
  • Prendere parte a brevi conversazioni in situazioni semplici e abituali (incontri, acquisti, richieste di informazioni) senza che l’interlocutore manifesti grandi difficoltà di comprensione.
  • Presentarsi e introdurre la propria famiglia e i propri amici (identità, lavoro, passatempi, domicilio ecc.) in poche frasi semplici.
  • Trascrivere in due o tre frasi un’informazione semplice comunicata oralmente.
  • Comprendere enunciati semplici mai sentiti prima ma relativi a temi familiari.
  • Capire istruzioni brevi e chiare.
  • Capire cifre e numeri presenti in alcune frasi.
  • Capire i punti essenziali di un testo semplice e molto breve, che comporti poche strutture e parole sconosciute.
  • Trovare un’informazione in un documento informativo relativo a un tema o a un argomento familiare.
  • Fare domande e rispondere su temi familiari in una breve conversazione, quando tali risposte non richiedono interventi lunghi o prese di posizione personali.
  • Descrivere in poche frasi e con mezzi semplici la propria situazione personale.
  • Riassumere le informazioni più importanti su di sé, in relazione al tema dell’intervento (gusti, formazione…).
  • Redigere una nota o un messaggio corto e semplice per comunicare un’informazione poggiando su documenti o utilizzando il dizionario.
  • Scrivere con un senso generale chiaro, anche in presenza di alcuni errori linguistici.
  • Comunicare sulla salute, il tempo atmosferico e il tempo libero.
  • Sostenere una conversazione su temi conosciuti e non.
  • Esprimere le sue esperienze passate, i suoi desideri futuri, i suoi progetti e le sue opinioni.
  • Leggere e comprendere articoli e testi non adattati.
  • Scrivere lettere per raccontare esperienze e avvenimenti o messaggi e note per dare informazioni o fare richieste.
  • Ampliare il lessico degli argomenti già noti.
  • Padroneggiare la conversazione.
  • Esprimere la propria opinione.
  • Comprendere le idee fondamentali di testi complessi su argomenti sia concreti sia astratti, comprese le discussioni tecniche nel proprio settore di specializzazione.
  • Interagire con relativa scioltezza e spontaneità, tanto che l’interazione con un parlante nativo si sviluppa senza eccessiva fatica e tensione.
  • Produrre testi chiari e articolati su un’ampia gamma di argomenti.
  • Esprimere un’opinione su un argomento d’attualità, esponendo i pro e i contro delle diverse opzioni.
  • Comprendere un’ampia gamma di testi complessi e piuttosto lunghi, ricavandone anche il significato implicito.
  • Esprimersi in modo scorrevole e spontaneo, senza un eccessivo sforzo per cercare le parole.
  • Usare la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, accademici e professionali.
  • Produrre testi chiari, ben strutturati e articolati su argomenti complessi, mostrando di saper controllare le strutture discorsive, i connettivi e i meccanismi di coesione.
  • Comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge.
  • Riassumere informazioni tratte da diverse fonti, orali e scritte, ristrutturando in un testo coerente le argomentazioni e le parti informative.
  • Esprimersi spontaneamente, in modo molto scorrevole e preciso.
  • Comunicare distintamente delle sottili sfumature di significato, anche in situazioni piuttosto complesse.

I sei livelli di competenza (A1, A2, B1, B2, C1, C2) e i tre livelli intermedi (A2+, B1+, B2+) articolati nel QCER sono utilizzati in tutta Europa e in altri continenti come parametri per fornire agli insegnanti di lingua un modello di riferimento per la preparazione di materiali didattici e per la valutazione delle conoscenze linguistiche.

Le informazioni su tipologie e sedi dei corsi sono disponibili nella pagina dedicata:

ATTESTATI E CERTIFICAZIONI

Oltre agli attestati di partecipazione e ai certificati di apprendimento, FormadHoc conduce passo dopo passo gli studenti interessati a ottenere le certificazioni internazionali di lingua francese.
Il conseguimento di una certificazione internazionale è spesso una necessità imprescindibile per molti corsisti, sia per motivi di studio sia per necessità di lavoro. Per la valutazione delle conoscenze di lingua francese, è possibile conseguire dei diplomi e dei test riconosciuti dagli organismi competenti.
A. DIPLOMI
Sono certificazioni ufficiali non soggette a limiti di validità temporale e con riconoscimento internazionale. Ogni diploma di lingua francese corrisponde a un livello del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue (QCERL) del Consiglio d’Europa.
• Diplomi DELF (Diplôme d’Etudes en Langue Française) e DALF (Diplôme Approfondi en Langue Française): sono rilasciati dal CIEP (Centre International d’Etudes Pédagogiques) di Sèvres. Nel nostro Paese vengono promossi dal MIUR (Ministero italiano dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca). Varie le tipologie, quali: DELF-DALF, DELF Scolaire, DELF Pro, DELF Prim.
• Diplomi DFP (Diplôme de Français Professionnel): sono rilasciati dalla Camera di Commercio di Parigi (CCIP) e sono finalizzati a certificare la conoscenza del francese in ambito professionale.
B. TEST
I test consentono la valutazione del livello linguistico di ciascun candidato in relazione a uno dei livelli del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue (QCERL) del Consiglio d’Europa, sulla base di ogni competenza della lingua. Hanno una validità limitata nel tempo.
• Il TCF (Test de connaissance du Français) viene rilasciato dal CIEP (Centre International d’Etudes Pédagogiques) di Sèvres.
• Il TEF (Test d’Evaluation de Français) è invece rilasciato dalla Camera di Commercio di Parigi.

HAI BISOGNO DI FINANZIARE LA FORMAZIONE?

ESPERIENZE DEI PARTECIPANTI

RICHIEDI INFORMAZIONI